Enterprise resource planning (letteralmente “pianificazione delle risorse d’impresa”, spesso abbreviato in ERP) è un sistema di gestione, chiamato in informatica sistema informativo, che integra tutti i processi di business rilevanti di un’azienda (vendite, acquisti, gestione magazzino, contabilità etc.)

La prima versione dell’ERP metteva in collegamento diretto le aree di gestione contabile con l’area di gestione logistica (magazzini ed approvvigionamento); successivamente si sono iniziate ad implementare le relazioni interne anche con le aree di vendita, distribuzione, produzione, manutenzione impianti, gestione dei progetti ecc. Di grande importanza è il sistema di Pianificazione Fabbisogno Materiali o Materials Requirements Planning (MRP) la sua evoluzione MRP 2 (integrati nel sistema ERP) che permettono di programmare logiche di ordini automatici ai fornitori veramente sofisticate, tanto da tener conto dei tempi di consegna e di messa in produzione del prodotto; questa metodologia permette di ottimizzare la rotazione dei materiali nei magazzini e la minimizzazione delle giacenze che impattano a livello contabile e fiscale.

A tutt’oggi i moderni sistemi di ERP coprono tutte le aree che possano essere automatizzate e/o monitorate all’interno di un’azienda, permettendo così agli utilizzatori di operare in un contesto uniforme ed integrato, indipendentemente dall’area applicativa.

I sistemi ERP tipicamente sono caratterizzati da tre fattori:

  • Un database comune per tutte le applicazioni, in tal modo non ci sono problemi di aggiornamento dei dati, all’opposto di quanto avviene nei sistemi a isole.
  • Una struttura modulare, ciò consente una grande interoperabilità tra i gruppi funzionali.
  • Consente inoltre all’impresa di decidere quale strategia utilizzare ovvero la così detta ‘one shop stop’ che consiste nel comprare tutti i moduli di un unico venditore oppure la strategia ‘best of breed’ che consiste nel scegliere il modulo dal miglior produttore.